Siamo preoccupati per quanto è emerso nell’odierna commissione consiliare, nella quale è stato chiarito espressamente che Euroflora 2018 non sarà l’Euroflora che tutti ricordiamo. Nessuno però è stato in grado di spiegare cosa sarà la nuova edizione.

A poco più di due mesi dall’apertura della manifestazione, la Giunta Comunale ha perfino dichiarato di non avere ancora deciso chi sarà l’ente organizzatore di Euroflora 2018.
Le associazioni di categoria Coldiretti, Cia e Legacoop hanno lamentato la mancanza di contatti e di informazioni tra gli enti organizzatori e i florovivaisti genovesi e liguri circa le modalità di partecipazione alla manifestazione.
Lo stesso general manager di Euroflora ha ammesso che, al di là delle diverse trattative, nessun vivaista ha ancora formalizzato la propria partecipazione. E nessuno sponsor ha ancora assicurato un contributo. Nessun accordo è stato raggiunto con Amt, Trenitalia o con le società di trasporto via mare per potenziare la mobilità pubblica.
Totale incertezza è emersa inoltre sulle coperture economiche. E’ sconcertante che a 70 giorni dall’inaugurazione non si conoscano così tanti significativi elementi, a partire proprio dalle cifre.
Quanti biglietti devono essere venduti per realizzare la sostenibiltà economica? Quale sarà la partecipazione economica delle società partecipate comunali AMIU e AMT? E’ vero che saranno tenute ad acquistare ognuna migliaia di biglietti di Euroflora con denari pubblici? Quali atti ha già assunto la Giunta Comunale? E quali Fiera di Genova?
C’è poi tutto il tema della mobilità nel quartiere di Nervi, che fino ad oggi non è stata oggetto neppure di una discussione nel Municipio Levante, che anzi nelle scorse settimane ha approvato una mozione all’unanimità per avere informazioni urgenti sulla manifestazione dalla Giunta Comunale.
Avevamo chiesto la commissione fin dal 30 novembre. È stata convocata solo oggi, lasciando inevase la quasi totalità degli interrogativi posti dai consiglieri comunali e dagli auditi. L’impressione, purtroppo, è che tutto sia ancora in alto mare.
Non chiamateci gufi o sabotatori. Crediamo nelle potenzialità di Euroflora e siamo certi delle ricadute positive che avrà per tutta la Città. Pretendiamo però che chi organizza la manifestazione spieghi alla città cosa sta organizzando e con quali risorse.

Gruppo Consiliare PD Comune di Genova