La Commissione Difesa non abbia tentennamenti nel dare parere favorevole al programma di acquisto di droni da oltre 760 milioni in 16 anni proposto nei mesi scorsi dal Ministero della Difesa per il maxi ordine dei velivoli a pilotaggio remoto: ne va del futuro degli stabilimenti Piaggio Aerospace di Genova e Villanova di Albenga. Parliamo del destino di 1300 lavoratori diretti, a cui si aggiungono i dipendenti di molte aziende dell’indotto.

Sappiamo che c’è una discussione in Commissione e che il suo esisto non è scontato. Ieri il relatore di maggioranza (Movimento 5 Stelle) ha espresso molti dubbi. Si deve sapere, tuttavia, che una decisione negativa porterebbe, di fatto, alla chiusura dei due stabilimenti liguri e assesterebbe un altro colpo durissimo all’occupazione in Liguria, che continua ad attraversare un momento difficile.

Come PD chiediamo con forza che, senza differenze di partito e colore politico, la Liguria faccia sistema affinché non si tradiscano le aspettative dei lavoratori di Piaggio. Nei prossimi giorni presenteremo una mozione in Consiglio regionale come abbiamo già fatto per il Terzo Valico. Ci auguriamo che venga sottoscritta e votata da tutte le forze politiche, per dare un segno di compattezza delle istituzioni liguri a tutela dei lavoratori di Piaggio e per garantire il futuro all’azienda.

Domani, in Consiglio comunale a Genova, il Gruppo del Pd presenterà un articolo 55 sullo stesso tema, chiedendo un’espressione di volontà da parte di tutti i gruppi consiliari e dell’amministrazione.

Giovanni Lunardon, capogruppo PD Regione Liguria
Cristina Lodi, capogruppo PD Comune Genova
Alberto Pandolfo, segretario PD Genova