Lo scorso 23 marzo, in assemblea pubblica, il sindaco Bucci, di fronte ai cittadini e ai comitati di Sampierdarena, si era impegnato, “mettendoci la faccia” come ama dire lui stesso, a intervenire per progettare una variante ai lavori di ampliamento di Lungomare Canepa, con l'obiettivo di venire incontro alle richieste e alle esigenze degli abitanti di quella parte di quartiere e di risolvere alcune criticità emerse rispetto al progetto.
Oggi, alla richiesta di informativa urgente presentata da Cristina Lodi, capogruppo PD, su quali siano gli atti formali già adottati dall'Amministrazione in questo senso, quali quelli previsti e come ci si proponga di incidere realmente sull'andamento cronologico dei lavori che stanno procedendo, la giunta sceglie di non rispondere.
L'articolo 54 della consigliera Lodi, infatti, non verrà affrontato, essendo stato inserito al sedicesimo posto tra quelli in discussione oggi prima della seduta del Consiglio comunale.
“Nelle assemblee pubbliche si fa presto a dichiarare vicinanza ai cittadini – commenta Cristina Lodi -. Ma adesso la campagna elettorale è finita. Oggi la giunta sceglie di non fornire risposte agli abitanti di Sampierdarena, dopo che il sindaco che aveva promesso l'avvio di un'interlocuzione con ANAS e la ridefinizione dei lavori di via Lungomare Canepa. Rispetto a queste dichiarazioni del primo cittadino, non è stato fatto niente e non viene data possibilità di discuterne in Sala Rossa. Nessuna risposta quindi ai cittadini e al Comitato impegnato costantemente su questo fronte, ma anche ai consiglieri della maggioranza stessa, considerata l'esistenza di una mozione del centrodestra su questo tema che non ritroviamo però all'ordine del giorno dei lavori”.