Questa mattina in Sala Rossa si è riunita la Commissione Consiliare Promozione della città e Cultura sulla delicata questione del Museo d'Arte Contemporanea "Villa Croce".

La convocazione della Commissione è arrivata a seguito delle interrogazioni da parte mia e dei consiglieri di Lista Crivello sulle problematiche e le prospettive di rilancio di Villa Croce, a cui l'assessore Serafini non aveva fornito risposte adeguate e soddisfacenti.
Risposte che purtroppo non sono arrivate neppure questa mattina di fronte alle tante realtà audite in Sala Consiliare,dai finanziatori ai sostenitori del Museo.
Interrogata sull'esistenza e i contenuti del piano di “governance” di Villa Croce, l'assessore comunale alla Cultura ha dichiarato che prenderà una decisione entro fine mese.
Nel frattempo però dal Museo sono stati rimossi, e destinati ad altri incarichi, tutti i dipendenti comunali. Una situazione di forte incertezza perdura ormai da troppo tempo attorno a Villa Croce e preoccupa anche i finanziatori, i quali hanno dichiarato ritireranno i finanziamenti se non arriverà al più presto un chiaro progetto di governance del Museo, chiesto anche dal direttore generale di Palazzo Ducale, Pietro Da Passano.
Questo è un rischio che la città di Genova non può correre. Ci auguriamo perciò che dall'assessore Serafini arrivino risposte in tempi brevi, già quindi nella prossima Commissione che abbiamo chiesto venga convocata subito dopo Pasqua.

Cristina Lodi, capogruppo PD Comune Genova