I gruppi di opposizione e la quasi totalità dei gruppi di maggioranza hanno espresso oggi in Commissione un esplicito dissenso all'alienazione delle otto farmacie.
Ieri in conferenza capigruppo avevamo chiesto si tenesse una discussione in commissione prima della delibera di giunta prevista per venerdì 2 novembre.
Oggi abbiamo appreso che la decisione di vendere la società farmacie comunali, da 4 anni in utile, non solo non era stata condivisa con i rappresentanti dei 43 lavoratori ma nemmeno con i consiglieri di maggioranza che hanno dichiarato che non voteranno la delibera.
La proposta non sarà quindi approvata dalla Giunta di venerdì.
Ribadiamo la nostra contrarietà al provvedimento  e ci auguriamo che questo stop porti al ripensamento di una operazione dettata dal solo scopo di fare cassa.

Gruppo consiliare Pd Comune di Genova