Grande intesa tra Gianni Crivello e il sindaco di Milano, Beppe Sala, venuto a Genova per sostenerlo con la promessa di tornare a Genova per stringergli la mano in caso di vittoria, ma soprattutto per iniziare a collaborare insieme: "Sono qui per portare a Genova l'esperienza di Milano. Dobbiamo lavorare insieme per farla crescere e rendere più competitiva, accogliente e solidale creando sinergie con l'università, il turismo e l'ambito delle tecnologie. Ditelo a tutti - ha concluso Sala - voglio lavorare con Genova dal giorno dopo che Crivello sarà eletto sindaco".

Tre le proposte lanciate invece dal palco dal candidato sindaco del centrosinistra Gianni Crivello c'è: un "Osservatorio per Genova" che sarà "lo strumento per misurare l'attrattività e la competitività della città, lavorerà insieme all'Osservatorio Milano e avrà in più lo scopo di promuovere innovazione e competitività di Genova proponendo buone pratiche e suggerendo ulteriori azioni. Alla sua guida nominerò Alberto Diaspro".  La seconda proposta, "Impulso Genova" ha lo scopo di promuovere l'apertura di nuove attività e imprese creative e innovative, di semplificare la burocrazia (permessi e autorizzazioni, assistenza fiscale), di dare servizi e trovare risorse e di mettere in rete le realtà esistenti e quelle nuove che vogliono nascere.

"Proporremo un patto con l'università per rendere Genova un vertice attrattivo di un politecnico del Nord Ovest assieme agli atenei di Milano e Torino - ha aggiunto Crivello spiegando la terza proposta. - Una città universitaria è tale anche perché perché è accogliente. Il patto con l'università prevederà l'impegno a recuperare alcuni dei molti immobili abbandonati nel centro storico".

In ultimo Crivello ha annunciato l'adesione di un gruppo di "saggi" pronti a collaborare per la città, ognuno per le proprie competenze: Alberto Diaspro, direttore dipartimento nanotecnologie IIT, Franco Henriquet, presidente Gigi Ghirotti,  l'avvocato e professore Enzo Roppo, ordinario di diritto civile e Beppe Pericu, già sindaco di Genova. "Questi sono solo alcune delle persone che hanno dato la loro disponibilità a lavorare per me e per Genova a titolo gratuito".