Oggi la maggioranza gialloverde al governo del Paese ha dato l'ennesimo schiaffo alla città di Genova. Dovendo scegliere tra migliorare nel merito il decreto Genova e blindare la maggioranza, Lega e M5S hanno preferito mettersi al sicuro, decidendo di bocciare, senza alcuna discussione sui contenuti, gli emendamenti Pd che chiedevano coperture garantite per gli sfollati, le imprese, i lavoratori, il porto, l'economia genovese e tempi certi per la ricostruzione.
Si tratta di un comportamento grave, perché non va a danneggiare tanto il Partito Democratico, quanto le categorie economiche, i lavoratori, i cittadini di Genova, già duramente colpiti dal tragico crollo del Ponte Morandi. Gli emendamenti presentati dai parlamentari Pd erano infatti, per la maggior parte, frutto di un lavoro di ascolto e dibattito condotto in queste settimane, attraverso incontri dedicati e le attività consiliari in Comune e Regione, che avevano visto convergere quasi all'unanimità tutte le forze politiche, economiche e sociali sulle proposte necessarie e fondamentali a Genova e al Paese per ripartire dopo la tragedia del 14 agosto.
A questo impegno unitario della città e dei suoi rappresentanti, la maggioranza gialloverde ha risposto con l'arroganza a cui ormai siamo purtroppo abituati. Ed ha preferito negare qualsiasi discussione sul futuro della nostra città.

Gruppo consiliare Pd Comune di Genova
Pd Genova
Gruppo consiliare PD Regione Liguria
Pd Liguria