La giunta Bucci sta forse cercando di far passare un'operazione di spacchettamento di AMIU, partendo dallo stop alla liquidazione di Quattroerre S.p.A.?

Lo ha chiesto in Consiglio comunale la capogruppo del Pd, Cristina Lodi, intervenendo sulla delibera di Revisione straordinaria delle partecipate che prende in considerazione anche Quattroerre (proprietà per il 51% di Amiu Genova e per il restante 49% di privati: 9,80 % Ecocart srl, 19,60 % Re.Vetro srl e 19,60 % Benfante Srl). 

"Attraverso la liquidazione di Quattroerre S.p.A. si era avviata la chiusura di un’esperienza non positiva, in termini di quantità e qualità di raccolta differenziata, con soci privati locali - ha detto Lodi - . Inoltre  Amiu S.p.A., e non i soci privati, si era fatta carico dell’assunzione dei dipendenti della Quattroerre S.p.A., risolvendo quindi il problema occupazionale". 

La giunta Bucci, nella delibera in discussione in Consiglio, motiva la decisione di interrompere questo processo di liquidazione con la volontà di “mantenere in capo ad Amiu una società che possa esse usata come veicolo per una partnership nello sviluppo impiantistico e/o nelle nuove attività connesse alla raccolta differenziata".

"A questo punto è forte il sospetto che la scelta della maggioranza sia il preludio al famoso spacchettamento tra spazzamento stradale, lasciato ad Amiu, e raccolta e valorizzazione dei materiali di pregio, che andrebbero forse a Quattroerre o meglio agli impianti dei soci privati? - prosegue Lodi - . Questa operazione su Quattroerre è forse la conferma dell’avvio della vera privatizzazione di Amiu S.p.A. con relativo favore ai privati ecocart Srl, Benfante srl e Re.Vetro Srl che andrebbero a godere dei benefici della valorizzazione dei materiali da raccolta differenziata?".
Nel lanciare l'allarme su un tentativo in atto di spacchettamento di AMIU a favore dei privati, la capogruppo Lodi ha sottolineato la differenza con la delibera di fusione Amiu-Iren che "voleva invece agganciare Amiu ad un partner industriale di livello nazionale e di proprietà pubblica garantita".